E La Cicala Canta - Louis G. Ferrin

Buy from Amazon.com

E La Cicala Canta (Inglese, Italiano)

Paisiellu

Lontana vecchia terra mia d'angoscia soffro per la tua sorte non t'ho mai dal mio penziero lasciata.  I tuoi posti si' cari ricordo follia, lasciarti dovevo.  Celeste il cielo e mare che ti circonda macchiata d'argento, magenta la terra, fera, folta di boschi ricca la fauna lontano ma viva ti sento, oh terra mia.  Da lidi bagnata dall'eterna Sila, fino al mare corrono sorgente di vita.  Paisiellu sulla collina, toccato dal mare a est a ovest grigi i colli, pascoli di siepi tracciate a misura di giorni lontani.  Vibra la trebbia vola la crusca, d'oro la paglia, patto il trifoglio, la raccolta aspetta la fava.  L'argo l'Esaro correva, nel centro I'isola di erbe dove la fologa regnava col cefalo e l'anguilla.  Scomparsi i pascoli, non piu' siepi di fiori, ma fiumi di cemento e difficile il respiro.

 Galleria Natura:  
 Penna e Seppia | Olio | Acquerelli | Scultura

 Libri:  
 E La Cicala Canta | I Quindici Mila di Gettysburg

Copyright © 2009, Louis G. Ferrin.  Tutti i diritti riservati.